ANTINFIAMMATORIO MICTASONE: soluzione galenica

Ancora una volta la farmacia galenica può fare la differenza.
In questo articolo tratteremo un tipico esempio di farmaco orfano, cioè che non si trova più in commercio in quanto l’industria farmaceutica ha rinunciato alla produzione.
Rinuncia dettata non perché non sia efficace ma semplicemente perché ritenuto non più remunerativo commercializzarlo.

Grazie ai laboratori galenici delle farmacie, per mezzo dei quali è possibile reperire questo ottimo antinfiammatorio steroideo e antibatterico.

Costituito da tetraciclina, idrocortisone acetato e malva, queste supposte vengono utilizzate nel trattamento locale delle affezioni genito-urinarie ed ano-rettali, in cui si trovano abitualmente associati elementi congestivi, infettivi, spasmodici. In particolare:

  • Affezioni della prostata: nelle prostatiti acute e croniche accompagnate da ipertrofia questo preparato in supposte attenua la sintomatologia dolorosa, influisce sulla prostata combattendo anche disturbi secondari grazie alla presenza della tetraciclina.
  • Uretriti: sia nelle forme acute che croniche, calma il dolore esercitando anche un’azione antibatterica.
  • Cistiti: costituiscono una delle principali indicazioni, questo allestito ne attenua la sintomatologia dolorosa e combatte l’elemento infettivo.
  • Emorroidi: l’utilizzo di queste supposte permette la riduzione di tensione dolorosa e tenesmo riducendo i noduli emorroidali.

Si tratta di supposte che, non passando attraverso lo stomaco, eliminano il rischio di provocare irritazione gastrica; tuttavia si esercita comunque un’azione a livello sistemico (i principi attivi vengono assorbiti attraverso la mucosa rettale, piuttosto ricca di vasi sanguigni) anche se l’assorbimento del farmaco è ridotto rispetto ai medicinali assunti per via orale.

Dott. Paolo Calliero
Farmacista Preparatore

©2019 Farmacigalenici.it
Le informazioni contenute in questo articolo sono a scopo puramente divulgativo, non vogliono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente. Si raccomanda pertanto di consultare il proprio medico di fiducia prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *