MENOPAUSA: testosterone in Pentravan

Il termine menopausa indica la fine della funzione riproduttiva della donna, indotta dalla progressiva riduzione dell’attività ormonale.
La donna, con il trascorrere dell’età, va incontro a cambiamenti fisici e psicologici che sono principalmente causati da un aumentato stress ossidativo.

L’ormone in grado di contrastare questo processo infiammatorio è il testosterone, l’ormone androgeno per antonomasia, e normalmente presente anche nel corpo della donna.
La produzione endogena del testosterone femminile ha un picco tre la quarta e la quinta decade della vita, seguito da un

L’ormone chiave in grado di contrastare questo processo infiammatorio è il testosterone, l’ormone androgeno per antonomasia, e normalmente presente anche nel corpo della donna.
La produzione endogena di testosterone femminile ha un picco tra la quarta e la quinta decade della vita, seguito da un lento e progressivo declino.

Oltre agli effetti positivi  su questi processi infiammatori, il testosterone in menopausa è anche associato ad una aumentata produzione di estrogeni, anch’essi responsabili della riduzione dell’infiammazione con importanti benefici del benessere femminile.

Una sperimentazione clinica ha dimostrato come la somministrazione di testosterone per via vaginale sia estremamente efficace nel contrastare i sintomi della menopausa, ed ha come effetti un miglioramento della vita sessuale e una bassa incidenza di effetti collaterali.

La somministrazione può avvenire utilizzando un veicolo che garantisca un assorbimento degli ormoni mimando il naturale ciclo  circadiano.

Si tratta del Pentravan, gradevole nell’applicazione, presenta un rapido assorbimento. Allestito in apposti dosatori che permettono un’applicazione precisa evitando rischi di sovradosaggio.

Dott. Paolo Calliero
Farmacista Preparatore

©2019 Farmacigalenici.it
Le informazioni contenute in questo articolo sono a scopo puramente divulgativo, non vogliono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente. Si raccomanda pertanto di consultare il proprio medico di fiducia prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *